Recensioni

“Viera. Un’italiana del ’23” di Paola Mattioli: la storia di una vita vissuta con coraggio

Questo prezioso diario è stato ritrovato dalla figlia della protagonista, che ha deciso di farne un libro per ricordare la figura di sua madre Viera e per narrare dal suo punto di vista una fase cruciale della storia italiana.

da redazione

«La via Emilia era pericolosissima perché continuamente presa di mira dagli aerei alleati, che colpivano e mitragliavano di notte, in quanto utilizzata dai tedeschi per spostare carri armati e camion per rifornimenti. Quando passavano gli aerei americani veniva suonato l’allarme e noi andavamo nei rifugi, portando le nostre valigie con le cose più preziose che avevamo. Stavamo nel rifugio fino al cessato allarme»: nell’opera “Viera. Un’italiana del ’23” di Paola Mattioli si racconta dell’esperienza della Seconda guerra mondiale vissuta da una donna che ha voluto poi registrare tutti i suoi pensieri in un quaderno di pelle verde.

Questo prezioso diario è stato poi ritrovato da sua figlia, l’autrice, che ha deciso di farne un libro per ricordare la figura di sua madre Viera e per narrare dal suo punto di vista una fase cruciale della storia italiana. Ci troviamo quindi di fronte a una raccolta di memorie ma anche al resoconto di un momento oscuro, in cui tutte le certezze sono cadute; siamo nel 1940, Viera ha diciassette anni e l’Italia è appena entrata in guerra. La sua famiglia si era trasferita dalla Romagna a Bologna e la vita era serena per tutti, fin quando la violenza non è diventata parte della loro quotidianità: costretti a fuggire lasciando indietro la propria casa e i propri averi, si recano a Lugo di Romagna da alcuni parenti, ma la guerra li segue e li costringe a muoversi ancora. Viera racconta dei momenti di terrore, a causa dei bombardamenti e delle raffiche di mitra a pochi metri da loro; la guerra però non miete vittime solo a causa delle armi: la promiscuità dello stare in tante persone in ambienti piccoli, sporchi e spesso senza ventilazione fa insorgere malattie come le febbri da infezioni, il tifo influenzale, le tonsilliti e i disturbi intestinali. Non bisogna poi dimenticare la fame e il freddo, nemici al pari dei soldati; Viera rammenta gli stracci di cui erano vestiti, che non potevano coprire nelle notti fredde, e che venivano rammendati alla meno peggio – un’umiliazione per chi aveva sempre vissuto con decoro e che ora si ritrovava a non potersi neanche lavare.

Nel diario non c’è però solo il racconto dei momenti di disperazione: emerge infatti la luce della coraggiosa Viera, che non si è mai arresa e che ha imparato dall’esperienza della guerra a dare valore alle cose importanti e ad essere altruista e generosa, perché solo aiutandosi l’un l’altro si può uscire dall’oscurità.

Casa Editrice: Edizioni Pendragon; Collana: Melusina; Genere: Biografia; Pagine: 63; Prezzo: 14,00 €

Contatti

https://www.instagram.com/paolamattiolipoetessa/?hl=en

http://www.lepoesiedipaolamattioli.it/

https://www.pendragon.it/catalogo/narrativa-1/melusina/viera-detail.html


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: