Kipple

di Terry Passanisi

bladerunner_apartment

Una riproduzione digitale VR dell’appartamento di Deckard.

Cinquant’anni fa, lo scrittore di fantascienza Philip K. Dick utilizzò per la prima volta una parola per tutti quegli oggetti inutili che si accumulano in una casa: kipple. In “Ma gli androidi sognano pecore elettriche?”, che servì come palinsesto per il film “Blade Runner”, teorizzò che “l’intero universo si sta muovendo verso uno stato di totale, assoluta kippleizzazione”. Il kipple, materia residuale di oggetti o addirittura vite che un tempo ebbero un uso (tradotto in italiano, quando si è provato timidamente a tradurlo, con un impotente palta), si riproduceva, scriveva Dick, quando nessuno era nei paraggi. 

Come mi ha fatto opportunamente notare l’amico Giovanni De Matteo (di certo un appassionato di sci-fi come si deve e non della domenica come me), il termine non fu coniato da Dick stesso. Lo scrittore lo prese a prestito, dandogli i connotati definitivi nel suo romanzo più celebre e facendogli fare anche un’apparizione fugace in “Labirinto di Morte” (1970) – fissandolo così nel linguaggio degli appassionati di tutto il mondo -, da una fanzine degli anni ‘60 curata da Ted Pauls, intitolata per l’appunto “Kipple” e pubblicata per ben diciotto lunghi anni, fino al 1967. Dick fu un vorace lettore della fanzine, ma anche uno dei suoi corrispondenti più importanti.

Kipple-della-raccolta-di-racconti

Nel numero finale della rivista, Ted Pauls scrisse un editoriale per spiegare a grandi linee qual era l’origine primordiale del neologismo. Si trattava di una vecchia battuta attribuita a Terry Carr (o forse alla moglie Miriam Dyches) che alla domanda: “Do you like Kipling?” rispose: “I don’t know, I’ve never kippled.” La battuta fu citata letteralmente dallo stesso Dick nel romanzo “Guaritore Galattico” (1969). Il termine prese a circolare tra il cosiddetto fandom dell’epoca per indicare genericamente l’entropia degli oggetti domestici, la fenomenologia pressoché impossibile da percepire dell’accumulo di cose superflue in casa. Oggi, l‘onnipresenza dei dispositivi mobili e la facilità dello shopping online hanno reso la previsione di Dick realtà, con un piccolo ritocco: il nostro kipple non si moltiplica da sé, quando ci allontaniamo. Lo coltiviamo noi stessi, comprando in maniera compulsiva sempre di più, perché ci è permesso. Perché ci è concesso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.