Letteratura

Considerazioni stregonesche di un lettore inattuale, seguito da: “Il tempo della nostalgia. ‘Sogni e favole’ di Emanuele Trevi”

Lo Specchio di Ego

Di Andrea Carria

Lo scorso giovedì, 10 giugno, nella suggestiva cornice del teatro romano di Benevento, è andata in scena la semifinale del Premio Strega, la quale ha consegnato la cinquina dei finalisti 2021:

  • Emanuele Trevi,Due Vite(Neri Pozza) con 256 voti;
  • Edith Bruck,Il pane perduto(La Nave di Teseo) con 221 voti;
  • Donatella Di Pietrantonio,Borgo sud(Einaudi) con 220 voti;
  • Giulia Caminito,L’acqua del lago non è mai dolce(Bompiani) con 215 voti;
  • Andrea Bajani,Il libro delle case(Feltrinelli) con 203 voti.

Per conoscere il vincitore bisognerà attendere fino all’8 luglio, quando sulla kermesse letteraria più blasonata d’Italia calerà il sipario. Fino a quel momento ogni pronostico è il benvenuto.

Vi dico subito la verità: ancora non ne ho letto nessuno dei romanzi rimasti in gara. Rumore e clamore non mi attraggono, e quando ciò vede coinvolti i libri…

View original post 1.355 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: