Vero, falso o verosimile?

di Alessandro Lanni

grillo

Se non leggi i giornali non sei informato, se li leggi sei male informato (misinformed)”. In una battuta c’è tutto: la diagnosi e la critica, lo smarrimento e il paradosso del cittadino contemporaneo di fronte al dibattito globale che – per comodità – passa oggi sotto il nome di “post-verità” e di “fake news”. A pronunciarla è stato Denzel Washington in un’intervista in cui, pochi giorni dopo l’elezione di Trump, mette a fuoco le principali questioni che hanno afflitto il giornalismo nei mesi precedenti e successivi alla vittoria la sorpresa di “The Donald”.

Si tratta di questioni complesse, opache, contraddittorie, dove la zona grigia è molto più ampia del bianco e del nero che vorremmo. Ricette sicure non sembrano ancora esistere, altrimenti non si spiegherebbero le centinaia di riflessioni uscite in poche settimane. Quand’è che l’imprecisione diviene bufala, il pettegolezzo diviene notizia, o la fake news è strumento di propaganda? O volàno per un business on line molto remunerativo?

“Il dibattito sulla “post verità” è importante e particolare, ma è stato fuorv[…]

via Vero, falso o verosimile? – il Tascabile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...