Letteratura Poesia

Un saluto all’estate in una poesia di Attilio Bertolucci

La sottile linea d'ombra

L’avvicendarsi delle stagioni segna inevitabilmente il nostro umore – c’è chi è più e chi è meno sensibile al passaggio del tempo e ai cambiamenti del mondo e tutti abbiamo le nostre preferenze, però in un modo o nell’altro tutti ne siamo un po’ influenzati.

Per me, per esempio, settembre è sempre il mese degli inizi – molto più di gennaio – e, se da una parte c’è un po’ di tristezza sulla fine dell’estate, dall’altra c’è anche una consapevolezza simile a quella espressa nella bellissima poesia che vi propongo di seguito.

Attilio Bertolucci, Fine d’estate

Come agosto finisce, la mattina
dopo una notte di pioggia si sente
(il cielo è più profondo) che l’autunno
sta per venire; ci si guarda intorno
e non si sa che fare: tutto
è fresco, rinnovato da uno smalto
malinconico di perplessità!

Allora si gironzola, si sta zitti,
sappiamo che c’è tempo, ma che…

View original post 90 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: