Aiutiamoli a casa loro

di Massimo Mantellini

renzisalvini

Finalmente un problema squisitamente di comunicazione. Nel suo libro (e nelle polemiche di oggi sui social) Matteo Renzi cita un famoso slogan leghista anti migranti. L’intento è chiaramente quello di una citazione polemica e avversativa nella quale il “davvero” dovrebbe essere il segno della propria diversità. Probabilmente le frasi intere del libro e soprattutto il contesto nel quale sono inserite potevano risultare lievemente fastidiosi (lo slogan leghista è una delle cose più tetre che i tetri leghisti abbiano prodotto in questi anni) eticamente fragili ma in qualche maniera argomentate. Ma negli ambienti digitali una sola di quelle frasi, isolata intenzionalmente dal contesto dagli stessi strateghi dell’ex premier che ne hanno quotato solo la parte più incisiva, ha trasformato il pensiero di Renzi da una idea molto discutibile e discretamente imbarazzante in un vero e proprio slogan reazionario.

Che i nuovi comunicatori digitali di Renzi siano persone grossolane (oppure persone squisitamente colte ma dedicate ad una grossolanità del tutto strategica imposta non si sa da chi) ne abbiamo prova ormai ogni giorno. Nonostante questo capire che in rete, nella violenza di 5 righe, lo slogan resterà uno slogan, specie se come in questo caso si tratta di una frase odiosa e famosissima, non dovrebbe essere troppo difficile. Così come è chiaro che le lamentazioni successive su chi sui social non è stato in grado o non ha avuto voglia di approfondire, sono la perfetta conclusione di una Caporetto comunicativa. Gente che prima usa Internet come una clava per deficienti. E che poi si lamenta se i deficienti arrivano a frotte.

via Aiutiamoli a casa loro – manteblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...