Cinque bellissimi libri da leggere a Natale

di Terry Passanisi

booksnatale

È bene sottolineare che la classifica di questo articolo è assolutamente arbitraria e che i libri indicati, in ordine inverso di preferenza dalla quinta alla prima posizione, non hanno un’ambientazione natalizia, né hanno per forza a che fare con il Natale. Sono libri che, per un motivo o per l’altro, trovo adatti alla stagione, per averli letti a mia volta durante l’inverno, vuoi per la loro capacità di instillare il buonumore in un periodo freddo, vuoi per la loro bellezza intrinseca che salva dalla malinconia delle festività. Inoltre, non è la classifica assoluta dei romanzi che consiglierei, visto che mancano titoli illustri come la “Recherche” di Proust – il romanzo più bello e inarrivabile della storia – e “Il nome della rosa” di Eco, altra pietra miliare della narrativa da non farsi sfuggire nella vita: due romanzi da leggere e rileggere sempre e comunque.

Se aveste già letto i romanzi di questa classifica, mi auguro che le indicazioni vi tornino utili a sciogliere definitivamente il dubbio sui titoli da impacchettare e mettere sotto l’albero per i vostri cari. Soprattutto, regalarli potrebbe essere un metodo sottile e infallibile per comunicare qualcosa difficile da trasmettere a una certa persona: per fare pace con un parente che non vi parla da un po’, ma al quale volete molto bene, oppure per dichiarare il vostro amore segreto a quel qualcuno a cui non avete il coraggio di chiedere nemmeno il nome; ma, soprattutto, se non doveste averli letti, per farvi riprendere fiato, per farvi fermare a riflettere, per sorridere, per farvi conoscere le grandi riflessioni dei loro autori. Per fare di voi, attraverso la loro lettura, delle persone un po’ più felici e soddisfatte. Per farvi passare un periodo festivo, ormai ridotto a una corsa consumistica dai ritmi indiavolati e compulsivi, insomma, diverso, profondo, contemplativo e pieno di vera bellezza. Buona lettura!

5. “Lo Hobbit”, di J.R.R. Tolkien (con le illustrazioni di Alan Lee!)

hobbitlee

Perché leggerlo? Ancora memore dei tanti inverni, Natale per forza compreso, ai tempi della scuola media e superiore, trascorsi a leggere Tolkien, non posso che iniziare da questo primordio seminale del genere Fantasy. Meno epico e più fiabesco de “Il signore degli anelli”; onirico e disorientante, compreso tra gli stilemi del poema e della filastrocca, in equilibrio tra l’essere tutte queste cose e il giocare ingannevolmente coi generi per bambini e per adulti. Insomma, una meraviglia. Bilbo Baggins, incarnazione stessa del sedentario Tolkien, è indimenticabile.

4. “Tre uomini in barca”, di Jerome K. Jerome

treuomini

Perché leggerlo? Il romanzo di Jerome non ha (lo si evince già dal titolo) nulla a che fare con il Natale, ma è uno dei romanzi più divertenti, comici e straordinari, nella forma e nelle trovate linguistiche, mai scritti. È stato d’ispirazione – immaginai la prima volta che lo lessi – alle trovate comiche più famigerate del ‘900, sia in letteratura che nel cinema.

3. “I racconti”, di Edgar Allan Poe

raccontipoe

Perché leggerlo? Sì, vero; è difficile far passare un titolo del genere come un’amabile antologia da leggere davanti al presepio. Eppure la bravura dell’autore americano è tale da rendere imprescindibile, anche per la brevità di alcuni racconti, la collocazione di questa raccolta, da leggere tutta d’un fiato in poltrona, racconto dopo racconto, tra un piatto e l’altro della nonna (che alla quinta portata, forse, vorreste murare viva, proprio come succede a qualcuno in uno dei racconti di Poe).

2. “Il buio oltre la siepe”, di Harper Lee

buiooltre

Perché leggerlo? Il capolavoro di Harper Lee, premio Pulitzer del 1961 al suo esordio letterario, va al di là di ogni collocazione stagionale e rientra, questo sì, tra i miei romanzi preferiti di sempre: molto semplicemente è un romanzo fondamentale, un passaggio obbligato, sotto ogni punto di vista. Vi innamorerete per sempre di “Scout” Finch, la piccola protagonista, e conoscerla basterà non solo a farvi rendere conto di aver fatto un’ottima scelta di lettura ma, soprattutto, a vedere il mondo, Natale compreso, per il resto dei vostri giorni, da un altro punto di vista.

1. “Don Chisciotte della Mancia”, di Miguel de Cervantes

donchi

Perché leggerlo? È un’epifania letteraria. Detto in soldoni, senza riuscire a tributare il giusto merito in questo spazio all’opera capostipite del romanzo moderno e di ogni genere trattato nei secoli successivi, il “Don Chisciotte” è un’immensa e straordinaria avventura composta da un’infinità di episodi geniali, divertentissimi e originali (eppure brevi). Si tratta pur sempre di un romanzo complesso di quasi 900 pagine. Il consiglio che posso dare e che potrebbe fare la gioia della vostra riunione natalizia di famiglia – ma non solo – è questo: ritrovatevi attorno a un tavolo e leggetelo a turno, facendo girare il libro come il tabellone della Tombola; spartitevi a testa un episodio dello stralunato “cavaliere errante” della Mancia. Per comprendere l’assoluta grandezza dell’opera è sufficiente leggere alcuni tra i passaggi più famosi: quei due suonati dei protagonisti, e tutti gli altri comprimari, sono talmente divertenti che potrebbero strappare un sorriso anche allo zio col muso più lungo.

Un pensiero su “Cinque bellissimi libri da leggere a Natale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...