Poesia

Butō

di Ilaria Grasso

Accarezzo l’aria e il mio palmo di mano
sente tutto l’attrito cosmico del mio essere fisso

non faccio che inchiodarmi tra le zolle
convinta della fissità del cardine

è illusorio pensare di non poter cambiare
mentre nel flusso la materia danza

le giunture fanno male
nella costrizione della postura

il bianco spalmato sulla pelle
si crespa e le crepe m’insegnano
che la fissità è solo una ferita
dalla quale dobbiamo costringerci a
uscire e muoverci ed essere vita

fluttuare è la nostra natura e quella degli astri
nel vuoto universale
un percepito denso che a
volte fa male.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: