Letteratura

I ventitré giorni della città di Alba

Il verbo leggere

i ventitré giorni della città di alba beppe fenoglio

Talvolta le quarte di copertina si rivelano ingannevoli, ma nel caso di questo libro la quarta è così precisa da risultare più efficace di qualsiasi recensione. Basta dare un’occhiata alle parole scritte sul retro deI ventitré giorni della città di Alba (Einaudi, 1992) per cogliere l’essenza dei dodici racconti di Beppe Fenoglio e per provare il desiderio di leggerli:

Sono storie partigiane trattate con piglio disincantato, antieroico, talora epico-burlesco; storie di Alba e delle Langhe, vicende sanguigne e beffarde, drammi di miserie antiche e speranze impossibili. Fenoglio scrive proprio per penetrare il “mistero” della spietatezza dei rapporti umani: con quel suo linguaggio asciutto ed esatto, solidamente impastato di gergo dialettale (…).

Chapeau. Potrei anche chiuderla qui e ritirarmi in una stanzetta a rodermi il fegato, perché non sarò mai in grado di scrivere niente di meglio. Come resistere al richiamo del termine antieroico, che rimanda alla decisione…

View original post 938 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: