Arte

Gli impressionisti senza colore: incidere l’attimo e la temperatura della luce

Se continuiamo a tenere vivo questo spazio è grazie a te. Anche un solo euro per noi significa molto. Torna presto a leggerci e SOSTIENI DOWNTOBAKER

Ascolta i tuoi libri!

La sottile linea d'ombra

L’istante in cui la luce si ferma su una superficie, su un tessuto, su un edificio. L’attimo da cogliere in una impressione. Accostamenti di colori che si accendono e si completano in pennellate febbrili e veloci, tali da restituire la poetica di un gruppo: gli impressionisti. Ma come si possono conciliare gli effetti atmosferici e luministici con la tecnica incisoria? Come si possono incidere “impressioni” senza il colore? Eppure Renoir, Degas, Pissarro, Manet, Sisley, Signac si sono confrontati a lungo con l’incisione, prediligendo l’acquaforte.
Si tratta di una tecnica calcografica indiretta, perché la lastra metallica è incisa dall’acido non dalla punta che invece può muoversi sulla vernice resistente alla morsura in maniera libera. Se il bulino produce segni molto definiti, l’acquaforte solca linee più irregolari, più morbide e meno legate a progressioni di reticoli o segni curvi incrociati. Il segno è arioso, i contorni sono più sfumati. Gli impressionisti sceglieranno…

View original post 800 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: