Cultura Letteratura

Storia e memorie soggettive: un sincretismo possibile?

Gribaudi s’interroga soprattutto sui motivi dei ritardi, delle omissioni, delle rimozioni che ha conosciuto la memoria, guardando anche, però, ai suoi improvvisi risvegli e soprassalti e cercando di comprenderne i motivi.

di Marcello Flores

Gabriella Gribaudi conduce da molto tempo un’analisi approfondita e innovativa sulle memorie della guerra e dei grandi traumi collettivi. I suoi libri, che si fondano su una ricca documentazione di storia orale spesso condotta direttamente da lei o con qualche gruppo di studenti, hanno favorito una presa di coscienza della “soggettività” come elemento ormai ineliminabile per una narrazione della storia contemporanea, soprattutto nei suoi momenti di emergenza ed eccezionalità. Il suo lavoro, insieme a quello di altri – non moltissimi – studiosi italiani, ha permesso che il racconto e il ruolo della memoria siano diventati un elemento presente nel panorama storiografico, con un forte intreccio con la produzione, ben più ricca, presente soprattutto nel mondo anglosassone e francese.

Il volume da poco uscito per l’editore Viella – La memoria, i traumi, la storia. La guerra e le catastrofi nel Novecento, pp. 312, € 29, Viella, Roma 2020 – rappresenta in qualche modo una summa, una rivisitazione e un approfondimento degli studi già compiuti, presentandosi con una compattezza e coerenza che permettono una riflessione in qualche modo duplice: da una parte sul tema della memoria e della soggettività, del ruolo che rivestono nella ricostruzione storica soprattutto della guerra e dei traumi collettivi; dall’altra sui caratteri di questa particolare storiografia e sugli interrogativi che essa pone agli altri storici ma dovrebbe porre anche a se stessa. È parecchio tempo, purtroppo, che in Italia soprattutto la discussione metodologica e teorica attorno alla storia trova difficoltà a manifestarsi, anche se si è più volte iniziata senza che riuscisse a raccogliere, tuttavia, un coinvolgimento sufficiente – di qualità e quantità – per tenere il passo con quanto avviene invece in altri paesi. Il libro di Gribaudi si compone di quattro capitoli: il primo sui “percorsi della memoria e dell’oblio”, dove si confronta sui rapporti tra la memoria e la storia orale, i traumi e le testimonianze su essi di cui disponiamo; il secondo sulla memoria della guerra in Europa, ed è non solo il più lungo (tra il doppio e il triplo degli altri) ma quello che fa i conti, di più, con un’ampia produzione internazionale; il terzo sui conflitti e le fratture di memoria in Italia, un tema che ha sempre avuto una forte ricaduta sul terreno della public history e dell’uso pubblico e politico della memoria e della storia; il quarto sulla memoria delle catastrofi naturali, un tema già da lei stessa affrontato ma che trova, qui, un approfondimento significativo che vorrebbe aprire la strada a studi originali e innovativi. […]

Continua a leggere su L’indice dei libri del mese


Se continuiamo a tenere vivo questo spazio è grazie a te. Anche un solo euro per noi significa molto. Torna presto a leggerci e SOSTIENI DOWNTOBAKER

Ascolta i tuoi libri!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: