Racconti Società

Bambolotto

La Grande Estinzione

Quando ero piccola avevo un bambolotto che non era Cicciobello. Non ricordo di averci mai giocato molto. Non credo facesse niente, non credo nemmeno piangesse se toglievi il ciuccio. Forse non aveva nemmeno il ciuccio. Era solo un bambolotto. Era quel periodo ed era quel tipo di famiglia. Non serve la cosa di marca. Le cose si aggiustano. Se funziona non si butta via. Gli avanzi non si sprecano. Una sobria austerità. Ma non mancavano le cose considerate “serie”: le lezioni di musica, i libri, le enciclopedie. E poi lo sport, le domeniche in campagna, il pranzo in trattoria, le vacanze estive (in montagna), il mare – da casa in auto tutti insieme – di mattina presto che poi c’è troppa gente. Il lockdown del bambolotto quindi, come è stato?Il bambolotto non aveva grandi scorte in casa, quindi all’inizio si è trovato privo di parecchie cose: c’è stata una spesa…

View original post 813 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: