Letteratura

Appaesamenti tolkieniani

IL PROBLEMA DI GRENDEL

Prendere dimora in un libro è un’esperienza universale, condivisa, fatta di ritorni confortevoli e di addii nostalgici. Alcuni autori più di altri riescono a “fare luogo”, come si dice senza pensarci troppo, avvolgendo il lettore con fasce morbide, strette, tiepide, rassicuranti. Nel mezzo del deserto geologico, nella terra di nessuno tra Gondor e Mordor, prima che gli eventi tornino a travolgerli ineluttabili, Sam e Frodo si siedono davanti a un piccolo fuoco e recuperano profumi e atmosfere della Contea, fanno una pausa, entrano in una parentesi domestica mentre fuori il mondo sta cambiando, un po’ come Merry e Pipino quando scoprono la dispensa di Saruman tra le rovine di Isengard, o come la compagnia hobbit al Puledro Impennato, nella piovosa Brea, sull’orlo del massimo pericolo e quasi all’ingresso nell’età adulta. Tolkien costruisce dei luoghi di posta, delle taverne dell’anima, dove il ristoro prima della ripartenza nell’ombra scalda il cuore un…

View original post 1.002 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: