Letteratura Recensioni

Anja, la segretaria di Dostoevskij: la storia della nascita di un romanzo e di un grande amore

Giuseppe Manfridi è un narratore di razza, e la sua è pura letteratura; ci fa immergere nelle atmosfere decadenti della Pietroburgo di fine Ottocento, e sembra quasi di avvertire i suoni che provengono dalle strade, perfino gli odori, e di scorgere le ombre che accompagnano i passanti.

da redazione

“Anja, la segretaria di Dostoevskij” di Giuseppe Manfridi ci permette di addentrarci nel processo creativo di uno degli scrittori più importanti nella storia della letteratura; allo stesso tempo ci narra di un amore appassionato, quello tra Fëdor Michajlovič Dostoevskij e la giovane Anna Grigor’evna Snitkina, chiamata Anja. L’autore delinea le loro figure con una cura maniacale, indagandone ogni sentimento, scandagliando il loro passato, mostrando le loro cicatrici; anche i personaggi secondari sono gestiti con attenzione: è chiaro che Manfridi avesse a cuore l’obiettivo di ritrarre con realismo l’umanità del tempo, raccontando le loro verità – da Anna Nikolaevna, la madre di Anja, mostrata nel suo smarrimento per una figlia tanto giovane che le sfugge prima del previsto, all’editore Stellovskij, un uomo viscido e senza scrupoli. Perfino i personaggi che sono già deceduti quando inizia il romanzo sono evocati con delicatezza e maestria, facendo echeggiare il loro lascito tra le pagine: è ciò che accade con la figura del padre di Anja, un fantasma benefico che la spinge con la sua passione per le opere dello scrittore russo a incamminarsi verso il suo destino. Giuseppe Manfridi è un narratore di razza, e la sua è pura letteratura; ci fa immergere nelle atmosfere decadenti della Pietroburgo di fine Ottocento, e sembra quasi di avvertire i suoni che provengono dalle strade, perfino gli odori, e di scorgere le ombre che accompagnano i passanti.

«Ogni città ha la sua particolare razza di fantasmi, quelli di Pietroburgo sanno essere più vivi dei vivi. La morte transitata ne ha maturato la coscienza e li ha resi più esperti. Qui, i morti hanno una dignità particolare. E soprattutto, non se ne vanno. Restano, avidi di futuro. Non fa per loro l’accumularsi nei cimiteri in via definitiva trasformandosi in passato e basta. Tra essi, chi amava, continua ad amare, ma di più. Chi combatteva, continua a combattere, ma di più. Chi odiava insiste a odiare, ma con rinnovata intelligenza. Tutti quanti, i morti insieme ai vivi, contribuiscono al movimento collettivo. Le ombre, qui, hanno il rilievo dei corpi, e anch’esse covano le loro ambizioni e portano avanti i loro progetti».

Il fragile e tormentato Dostoevskij vive tra queste strade e di esse si ciba: nei suoi romanzi ne richiama le atmosfere e la dissolutezza dei loro abitanti, come accade ne “Il giocatore”, l’opera la cui genesi è raccontata da Manfridi, mentre ci narra di una straordinaria storia d’amore, quella tra uno scrittore di mezza età e una giovane ragazza che farà di tutto per proteggere il suo talento.

Casa Editrice: La Lepre Edizioni; Collana: Visioni; Genere: Narrativa storica; Pagine: 608; Prezzo: 25,00 €

Contatti

https://www.facebook.com/AnjaDostoevskij/

https://it-it.facebook.com/manfridi

https://www.instagram.com/giuseppemanfridi/?hl=it


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: