Letteratura

La forza rivoluzionaria della letteratura proibita

Il Don Chisciotte è presente in tutte le librerie, ma chi se la sente di affrontare ancora i due volumi di Cervantes? Le nuove generazioni guardano con sospetto a tutto ciò che è così «impegnativo».

di Fabrizio Coscia

11 settembre 1973, il golpe cileno

Nel 1981, il Don Chisciotte di Cervantes fu proibito in Cile dalla giunta militare di Pinochet. La dittatura riteneva che il libro “contenesse un’apologia della libertà individuale e un attacco contro l’autorità costituita”. Lo scrive Alberto Manguel nel suo delizioso “Una storia della lettura” (Feltrinelli). La letteratura faceva paura alle dittature si sa. Ma anche alle democrazie. Oggi, infatti, assistiamo a qualcosa di molto più dannoso della censura: Don Chisciotte è in tutte le librerie, ma chi se la sente di affrontare i due volumi di Cervantes? Gli adolescenti guardano con sospetto a tutto ciò che è «impegnativo». La letteratura, e la «cultura alta» in generale (so che questa definizione può risultare odiosa a molti, ma non ho altre definizioni a disposizione per riferirmi a un romanzo di Virginia Woolf o Malcolm Lowry, a una sinfonia di Mahler o a un quadro di Rothko) non è più considerata sovversiva, ma «noiosa», a meno che non entri nel mainstream dell’intrattenimento. Il che è decisamente peggio: ciò che è proibito, si sa, attira sempre la nostra curiosità e il nostro desiderio, a differenza di ciò che è considerato «out», «palloso», «pesante».

Nel giro di un paio di generazioni i lettori autentici non esisteranno più, o esisteranno in così pochi da essere considerati una stramba setta, o saranno una piccola ed esclusiva élite, come oggi gli studiosi di epigrammi latini. Ciò vuol dire che un intero patrimonio culturale sarà destinato a sparire, come nel rogo della biblioteca di Alessandria, e non ci sarà nessuno che vorrà tramandare a memoria i capolavori del passato per combattere un divieto, come il gruppo di transfughi di «Fahrenheit 451». Semplicemente perché non ci sarà bisogno di nessun divieto da parte dell’autorità costituita.

Repost Facebook del 27 giugno 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: