Letteratura

Non è un mondo per vecchi: romanzieri modernisti e teatro

Per presentare la letteratura inizio novecentesca viene spontaneo giocare la carta del modernismo, che pure non è esente da effetti collaterali: riduttiva o sbrigativa, raggruma sotto una sola nube concettuale una serie di nomi che hanno sì condiviso esperienze simili, ma che hanno dato alle loro creazioni artistiche la forma singolare che discendeva dal loro singolare pensiero. Autori come Virginia Woolf, James Joyce, Italo Svevo, sono conosciuti e studiati soprattutto per le loro opere di narrativa, e così avviene che il termine modernismo, a loro associato, si identifichi con un altro termine della critica letteraria, romanzo. Tuttavia nel novero delle loro produzioni figura anche la drammaturgia.

Se per Joyce e per la Woolf parliamo di un unicum teatrale a testa – rispettivamente Esuli (1915), poco celebrato sulle scene, e Freshwater, destinato tra l’altro alla sola rappresentazione privata, nelle due versioni del 1923 e del 1935…

View original post 1.749 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: