Intervista a un mostro

di Ricky Farina

la-sposa-di-frankenstein-999x561

Io amo i mostri. Mostro è meraviglia, tutto ciò che suscita meraviglia. Preferisco Frankenstein a Che Guevara. Anche Dio è un mostro. I credenti sono incredibili, quindi mostruosi. Come si fa a credere nella vita eterna? Come si fa a desiderare l’ergastolo della beatitudine?

Un paradiso dove non ci sia la possibilità di suicidarsi è un paradiso mostruoso. Un paradiso senza la libertà del rifiuto. Nel mio ateismo spalancato all’Assoluto ho sempre dato ascolto ai credenti. Quando i Testimoni di Geova mi fanno vedere i loro opuscoli di famigliole felici dove tutti sono belli come Big Jim e Barbie chiedo sempre: “E i mostri dove sono?“. Mi rispondono che i mostri non ci sono, mi dicono che in paradiso saremo tutti belli, tutti felici. E mi vengono i crampi allo stomaco.

Quando i cattolici mi parlano della resurrezione del corpo chiedo: “E chi è troppo pigro per risorgere?“. A questa domanda i cattolici non rispondono, almeno quelli che ho incontrato. E mi sento un mostro di pigrizia. A Lutero preferisco […]

via Intervista a un mostro – Il Fatto Quotidiano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...