Forza di gravità umana

da L’amaca di Michele Serra

rozzano-michele-serra

Quali siano la causa e la dinamica, sparare a un ladro è sempre una dolorosa, tremenda capitolazione. Non una brillante impresa sportiva, come parrebbe leggendo quotidiani che definire “di destra” è improprio. Più appropriato definirli “di sotto”. Per non parlare delle prevedibili ovazioni alla giustizia sommaria che si leggono online, al cui confronto il pare diretto da Bertrand Russell.
Si dovrebbe ammutolire o parlare a bassa voce, di fronte a un morto, e invece si strilla; e per evitare il rischio di riflettere si calca la mano, si deride, si scalcia. Il povero ladro sparato e il povero sparatore, entrambi privati di ogni gravità umana, diventano solo fantocci da inalberare sulla propria picca. E il caso del Lodigiano diventa tal quale il rigore di Juve- Milan: un accurato studio comparato sulle chat calcistiche e socio-politiche di questo Paese dimostrerebbe una impressionante identità linguistica, di modi, di toni, spesso addirittura di terminologia, una specie di “devi morire” collettivo, l’odio curvaiolo come metodo costante, come sola vera cultura egemone. Nessuno, mai, disposto a imparare qualcosa da qualcuno. Se la impressionante perdita di misura della chiacchiera pubblica italiana fosse solo questione di stile, pazienza. Corrisponde, invece, a una perdita secca di umanità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...