Letteratura

Sogno e scrittura dopo il Contagio

La Grande Estinzione

Chiediamoci una cosa: in che misura il trauma epigenetico che in questi giorni sta per addentare il DNA di coloro che avranno figli in futuro accompagnerà e condizionerà le prossime generazioni? Funziona così: una carestia, un attentato terroristico, una guerra traumatizzano una donna oggi. Quella donna trasmetterà il trauma non solo al suo feto, per via psicofisica, ma anche ai nipoti e ai pronipoti. Chiediamoci allora un’altra cosa, cioè in che modo l’esperienza della quarantena, l’esperienza bioculturale del contagio, l’esperienza dello scrivere in queste ore influenzerà la scrittura di domani. Non parlo di romanzi del virus, romanzi della peste e romanzi del crollo sociale. Parlo di qualunque libro verrà scritto da qui in avanti. Perché il trauma c’è e ne sentiremo gli effetti molto a lungo. Ora, come in ogni situazione del genere, antropologicamente parlando, le vie sono due: raccontare favole esopiche possibilmente istruttive oppure continuare a ragionare in…

View original post 589 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: