Cultura Letteratura

Lettera sulla pinguedine di William Banting, manuale di autoaiuto per gentiluomini obesi

Il primo esempio di dieta fondata sul controllo delle calorie, per chi ama la letteratura vittoriana e sa cogliere l'ironia dietro le parole.

da Redazione

“Un corpo snello è segno di istruzione, salute morale e autocontrollo”. Così scrive William Banting, impresario di pompe funebri vissuto in età vittoriana, in questo pamphlet molto noto nel mondo anglosassone, tradotto per la prima volta in italiano. Banting, gravemente obeso, si rivolse al dottor Harvey, che gli prescrisse una dieta basata su alimenti ricchi di proteine come carne e pesce, vietando completamente birra, pane, latte e zucchero. Con sua grande sorpresa, Banting perse rapidamente 21 chili. Soddisfattissimo del risultato e desideroso di aiutare altre persone, nel 1863 Banting descrisse la sua esperienza nella Lettera sulla corpulenza indirizzata al pubblico, che pubblicò inizialmente a sue spese. Nel giro di due anni l’opuscolo, e la dieta in esso contenuta, divennero così popolari che nella lingua inglese comparve il verbo to bant che significa ‘stare a dieta’, ma la comunità scientifica dell’epoca ritenne i principi che ne erano alla base assolutamente privi di fondamento. A distanza di centocinquanta anni i principi del regime alimentare di Banting sono alla base di tutte le diete basate sulla restrizione delle calorie.

Un libro per conoscere le basi della dieta contemporanea, per chi ama la letteratura vittoriana e sa cogliere l’ironia dietro le parole.

WILLIAM BANTIG nacque a Londra nel 1796 da una ricca famiglia di imprenditori inglesi, che operava nel campo delle onoranze funebri, occupandosi anche dei membri della famiglia reale. Nel 1862, all’età di 66 anni, pesava più di 90 chili pur essendo alto solo un metro e sessantacinque e aveva gravi problemi di deambulazione. Dopo la dieta non riprese più peso, e morì all’età di 81 anni.

Traduzione di Fabiana Errico

Per ulteriori informazioni: Laura Bonelli Ufficio Stampa Graphofeel – edizioni.graphofeel@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: