Cultura Società

Il silenzio

Motivi personali

Il bilancio della prima settimana di lezioni a scuola in questo disgraziatissimo 2020 è riassumibile in una parola: silenzio. Se i ragazzi dei secondi e terzi anni ritornano nelle aule dopo sette mesi e si riappropriano di spazi, compagni e socialità, seppur nelle nuove condizioni di distanziamento, per i ragazzini delle prime le cose cambiano.

Questi ultimi arrivano dal terzo anno delle medie che hanno svolto, per metà, a casa con le video-lezioni. Non sono passati attraverso un normale esame finale, hanno affrontato isolamento, solitudine, freddi contatti informatici. Qual è il risultato? Che sono ancora immersi in un silenzio irreale.

Certo, i primini non si conoscono ancora bene tra di loro e la scuola è nuova ma di questo edificio vedono per il momento solo la loro classe e, quando lo chiedono, il bagno. Non conoscono gli angoli, i corridoi, non possono sperimentare la macchina che distribuisce merendine e men…

View original post 186 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: