Letteratura

Eco d’agosto

da redazione Downtobaker.

È morto il partigiano Federico García Lorca, lunga vita al partigiano. Ma non era un partigiano, eh, era un poeta! I poeti non muoiono; come i partigiani.

Federico García Lorca viene fucilato alle 4:45 del mattino del 18 agosto 1936 dai fascisti, perché di sinistra e omosessuale, e gettato in una tomba senza nome a Fuentegrande de Alfacar nei dintorni di Víznar, vicino a Granada, sulla strada che va da Víznar a Alfacar. Il suo corpo rimane sepolto in una fossa comune anonima da qualche parte in questi luoghi, nel comune di Alfacar. Lo ricordiamo con alcune delle sue poesie estive più ispirate.

Eco

Dischiuso s’è già
il fiore dell’aurora.
(Ricordi
il fondo della sera?)

Il nardo della luna effonde
il suo freddo aroma.
(Ricordi
lo sguardo d’agosto?)

**

Come son pesanti i giorni

Come son pesanti i giorni,
A nessun fuoco posso riscaldarmi,
non mi ride ormai nessun sole,
tutto è vuoto,
tutto è freddo e senza pietà,
ed anche le care limpide stelle
mi guardano senza conforto,
da quando ho appreso nel mio cuore,
che anche l’amore può morire.

**

Notte d’estate

L’acqua della fonte
suona il suo tamburo
d’argento.
Gli alberi
tessono il vento
e i fiori lo tingono
di profumo.
Una ragnatela
immensa
fa della luna
una stella.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.