Letteratura Recensioni

Le curiosità su Winston Churchill raccontate da Erik Larson in Splendore e viltà

1940-41 Battaglia d’Inghilterra. La formidabile cronaca dei giorni bui e di quelli luminosi in cui Churchill divenne 'Churchill', uno dei più grandi leader della storia.

da redazione

Nel suo nuovo libro Splendore e viltàErick Larson, racconta la formidabile cronaca dei giorni bui e di quelli luminosi in cui Churchill divenne Churchill, uno dei più grandi leader della storia. Nonostante la sua figura statuaria, Sir Winston Churchill nascondeva piccole e grandi manie. Ecco le curiosità sul grande statista tratte dal libro di Larson.

SCOPRI IL LIBRO Splendore e viltà di Erik Larson

Il 3 settembre 1939, in risposta all’occupazione della Polonia da parte di Hitler, la Gran Bretagna dichiara guerra alla Germania, e l’intero paese si prepara ai bombardamenti e all’invasione naziste. Le istruzioni del governo, impartite alla popolazione, non smorzano affatto la gravità dell’ora: «Dove il nemico atterrerà» avvertono, «i combattimenti saranno violentissimi». Vengono smontati i segnali stradali, distribuite trentacinque milioni di maschere antigas ai civili, l’oscuramento è cosí totale che nelle notti senza luna i pedoni urtano contro i pali della luce e inciampano nei sacchi di sabbia. La paura di ritrovarsi i tedeschi nel giardino di casa è tale che persino gli alti vertici dello Stato si preparano a scelte estreme. Harold Nicolson, futuro segretario parlamentare al ministero dell’Informazione, e la moglie, Vita Sackville-West, mettono nel conto la possibilità di suicidarsi pur di non cadere in mano nemica. «Dovrà essere qualcosa di rapido, indolore e poco ingombrante» scrive Vita al marito.

Pier Luigi Vercesi consiglia “Splendore e viltà” di Erik Larson

“Churchill conosceva il potere dei gesti simbolici. Si fermò davanti a un rifugio antiaereo, dove una bomba aveva ucciso quaranta persone e si stava radunando una folla. Per un istante Ismay temette che gli spettatori potessero essere infastiditi dall’arrivo di Churchill, il cui governo non era riuscito a proteggere la città; invece i residenti dell’East End ne furono deliziati. Ismay sentí qualcuno gridare: «Buon vecchio Winnie! Sapevamo che saresti venuto a trovarci. Teniamo duro. Rendiamogli pan per focaccia»”.

Nel maggio 1940 i bombardamenti cominciano realmente. Dapprima con attacchi apparentemente casuali, poi con un assalto in piena regola contro la città di Londra: cinquantasette notti consecutive di bombardamenti, seguiti nei sei mesi successivi da una serie sempre piú intensa di raid notturni. Nel maggio 1940, alle prime incursioni aeree sul suolo britannico, il primo ministro Neville Chamberlain, sfiduciato di fatto dal parlamento, si dimette e re Giorgio vi nomina al suo posto Winston Churchill. Dal 10 maggio 1940 al 10 maggio 1941 si svolge l’anno decisivo delle sorti del Regno Unito, l’anno che si conclude con «sette giorni di violenza quasi fantascientifica, durante i quali realtà e immaginazione si fusero, segnando la prima grande vittoria della guerra contro i tedeschi». L’anno in cui «Churchill diventò Churchill – il bulldog con il sigaro in bocca che tutti noi crediamo di conoscere – e in cui tenne i suoi discorsi piú memorabili, dimostrando al mondo intero che cosa fossero il coraggio e la leadership».

Erik Larson lo narra in questo libro, formidabile cronaca dei giorni bui e di quelli luminosi di Churchill e della sua cerchia ristretta, e avvincente racconto dei «piccoli ma curiosi episodi che rivelano come fosse realmente la vita durante le tempeste d’acciaio di Hitler».


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: